DOMINUM et VIVIFICANTEM - Giovanni Paolo II

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

L’enciclica, scritta nel 1986, è dedicata interamente alla Terza Persona della SS. Trinità.
Si tratta, quindi, del testo più significativo ed emblematico di Giovanni Paolo II sul tema dello Spirito Santo.
Facendo seguito a Redemptor Hominis (1979) e Dives in Misericordia (1980), Dominum et Vivificantem è il terzo documento dedicato al mistero di Dio, con cui Papa Wojtyła  ha iniziato il suo pontificato.
Lo Spirito Santo è contemplato ed analizzato, nel testo, sotto varie angolature, però sempre in relazione con la vita della Chiesa e del Mondo. Egli manifesta al meglio - secondo il Papa polacco -   l’amore-dono insito nel mistero Trinitario:
“È lo Spirito Santo l’espressione personale di un tale donarsi di questo essere-amore. È Persona-amore. È Persona-dono” (n.10).
Altro aspetto di rilievo del documento è l’unità della Chiesa attraverso lo Spirito.
“Tutti i credenti in Cristo – afferma il Pontefice – sull’esempio degli apostoli, dovranno mettere ogni impegno nel conformare pensiero e azione alla volontà dello Spirito Santo, ‘principio di unità della Chiesa’, affinché tutti i battezzati, si ritrovino fratelli uniti nella celebrazione della medesima Eucaristia, sacramento di pietà, segno di unità, vincolo di carità!” (n.62).
 

Giovanni Paolo II, nella Dominum et Vivificantum, ha voluto donare alla Chiesa un documento ricco di contenuti, non solo sul valore della pneumatologia, ma anche sulla vita nello Spirito Santo di ogni cristiano.
Il suo intento è stato proprio quello di convincere ad aprire i cuori e le menti all’azione della Terza Persona della SS. Trinità.
L’enciclica ha quindi evidenziato l’importanza dello  Spirito Santo: una realtà della fede cristiana da riscoprire ed uno dei paradigmi essenziali della Nuova Evangelizzazione.
Lo Spirito infatti “prende da Cristo e trasmette a tutti, entrando incessantemente nella storia del mondo attraverso il cuore dell'uomo” (n.67).

Con tag Chiesa, Libri

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post