Chucho Valdés: Bele Bele en La Habana

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Chucho Valdés: Bele Bele en La Habana

"Bele Bele en La Habana", uscito nel 2002 con la Casa discografica Blue Note, è un album di Chucho Valdés del genere latin jazz

Titoli
1.: Son Montuno
2.: Lorraine
3.: But Not for Me (Pero No Para Mi)
4.: Con Poco Coco (Without Much Thought)
5.: El Cumbanchero (The Rumba Dancer)
6.: Tres Lindas Cubanas (Three Pretty Cuban Girls)
7.: La Sitiera (The Small Farm)
8.: Los Caminos (The Pathways)

Impressioni
Chucho, pianista cubano, compositore, arrangiatore, direttore d'orchestra, vincitore di cinque Grammy e tre Latin Grammy, è una figura chiave nell'evoluzione del jazz afro-cubano negli ultimi 50 anni.
La sua formazione musicale include studi formali di conservatorio, ma è arricchita dall'influenza del padre Bebo e la sua orchestra Sabor de Cuba con cui Chucho fa esperienza e anche dalla Orquesta Cubana de Música Moderna.
Nei primi anni '70, Chucho crea il gruppo Irakere, un ensemble che ha segnato in maniera superlativa e indelebile il jazz afro-cubano.
Chucho è stato il direttore, pianista, compositore e arrangiatore principale del gruppo Irakere per più di 30 anni.
Ma dal 2005, si è concentrato sulla sua carriera personale, mettendo in evidenza il suo lavoro come pianista e leader piccoli ensemble.
Questo album, con i suoi pezzi registrati nel 1998 a Toronto durante il tour che ha abbracciato Stati Uniti e Canada.
Lo stile di Chucho, unico e inconfondibile, è quello di restare strettamente legato alle sue radici ritmiche cubane.
In questi brani si avvale di Roberto Vizcaino Guillot ottimo percussionista cubano insieme con al basso standard di Alain Pérez Rodriguez e alla batteria di Raúl Pineda Roque che, attraverso di essa, aumenta notevolmente le possibilità di esperimenti ritmici.
Chucho spazia con il suo eccelso virtuosismo dai classici di Gershwin alle più popolari melodie cubane
"El Cumbanchero" contiene alcuni improvvisi cambiamenti ritmici che fa saltare dalla sedia.
"Tres Lindas Cubanas" costruisce a poco a poco una melodia che arriva ad un corposità paragonabile ad una grande testata di vapore.
Questo CD ci dà un idea molto chiara delle capacità pianistiche di Chucho Valdes.
Un album, dal punto di vista politico, che ha subito le accuse del governo americano contro la statunitense Blue Note che avrebbe negoziato con il nemico...
Eravamo in un clima di guerra fredda, anche se l'embargo nei confronti di Cuba rimane sempre.
Nel complesso un album, a mio avviso, di ottima qualità con una musica superba.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post