Hilario Durán & Perspectiva: Encuentro en La Habana

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Hilario Durán & Perspectiva: Encuentro en La Habana

L'album Encuentro en la Habana di Hilario Durán del genere Jazz Instrument è stato pubblicato nel 2006 dalla Casa discografica: Alma Records


Titoli
1.: Perspectiva
2.: Gandinga y Sazon (Tribute to Frank Emilio)
3.: Bluesette
4.: Danzon Para los Amigos
5.: Havana City
6.: No More Cha Cha
7.: Perla Marina
8.: Trio Influenciado
9.: Descarga en la Egrem
10.: Farewell


Impressioni
La carriera di Hilario Duran, Muscista cubano, arriva ad un punto determinante nel 1990 quando il batterista Guillermo Barretto, con cui Hilario ha lavorato per diversi anni nella Orquesta Cubana de Musica Moderna, le presenta la famosa flautista e sassofonista Jane Bunnett che lo invita a partecipare al suo prossimo lavoro, "Spirits of Havana" con Gonzalo Rubalcaba, Frank Emilio Flynn, Yoruba Andabo e la cantante Merceditas Valdes.
Hilario lavora con Jane Bunnett e il progetto Spirits of Havana come pianista, arrangiatore e direttore musicale, esibendosi in numerosi festival in Nord America e in Europa per circa tre anni.
Subito dopo Jane Bunnett e suo marito, il trombettista Larry Cramer, producono per Hilario Duran tre album con l'etichetta discografica Justin Time, vale a dire: “Francisco’s Song” (1996), "Killer Tumbao" (1997) e "Havana Nocturna" (1999).
Negli anni seguire numerosi sono i lavori di Hilario e tra questi, nel 2006, spicca nel Encuentro en La Habana
Il personale che collabora a questo lavoro oltre ad Hilario Durán al pianoforte è composto da:
Jorge Reyes - basso acustico
Jorge Luis Chicoy - chitarre elettriche e acustiche
Reynaldo Valera - congas
Con ospiti speciali:
Emilio del Monte - timbales
Roman Feliu - contralto e sax soprano
Ernesto Simpson - batteria
Emilio del Monte Jr. - batteria e Bata
Pedro Martinez - congas.
Questo album è stato registrato a Cuba il 25 e il 26 febbraio 2005 presso la EGREM Studios di L'Avana.
L'intento è stato quello di realizzare uno dei più ambiziosi progetti musicali di Cuba.
Per anni abbiamo inseguito questo sogno tutti insieme come band - dice Hilario - per con il grande trombettista Arturo Sandoval.
Quando Arturo si trasferì negli Stati Uniti, abbiamo ribattezzato il gruppo Perspectiva, evolvendo una nuova prospettiva musicale.
Nei primi anni Novanta abbiamo registrato e tournée in Sud America e in Europa.
A quel tempo la band ha un sound jazz fusion più pronunciato, con ampio uso di tastiera, chitarra elettrica e basso.
Durante i nostri anni girando il mondo con Arturo Sandoval, e negli anni successivi sotto il nostro nome Perspectiva, il mio legame con i membri di questa band è diventato molto forte e profondamente personale.
Abbiamo avuto momenti di grande gioia e di grande sfida.
Successivamente sono emigrato in Canada ed è iniziata una nuova fase della mia carriera come leader solista e band."
Encuentro en la Habana è un musical con la riunione del gruppo Perspectiva dopo otto anni di distanza, ed è una celebrazione musicale della loro profonda amicizia dopo tanti lunghi anni di separazione.
Infatti in questi brani possiamo avvertire la gioia del suonare insieme.
Ne scaturisce una grande energia, la spontaneità e maturità musicale nelle sonorità.
Il lavoro è stato registrato nei mitici studi della EGREM a L'Aana, resi famosa da Ry Cooder e il Buena Vista Social Club.
Jorge Reyes, è uno dei bassisti più compiuti a Cuba.
Ha suonato con la Afro-Cuban All Stars, Irakere, Chucho Valdes Quartetto e Crisol di Roy Hargrove.
Jorge rinsalda, in questo lavoro, la vecchia amicizia con Hilario conosciuto nel 1968 presso il Conservatorio di Musica di Amadeo Roldan.
Anche nel servizio di leva entrambi hanno suonato nel 1970 nella banda dell'esercito a L'Avana.
Di nuovo insieme anche nella Orquesta Cubana de Musica Moderna (1976-1980) e nel 1981 hanno aderito alla Band Arturo Sandoval.
Gli altri due membri della Perspectiva, Reynaldo Valera (congas) e Jorge Luis Chicoy (chitarre), hanno entrambi collaborato al Buena Vista Social Club e hanno lavorato insieme nella band di Arturo Sandoval.
Jorge Luis Chicoy ha anche suonato con Irakere e Ernan Lopez-Nussa.
Hilario nelle sue notye di copertina paarla inoltre degli ospiti speciali di questo album
tra cui Emilio del Monte, un grande suonatore timballo, che ha suonato con Jesus Allemany e il gruppo Cubanismo, suo figlio Emilio del Monte Jr, che ha fatto un ottimo lavoro con i tamburi bata su tre di questo album di tracce.
Ernesto Simpson è un grande batterista cubano ora con sede a New York, ed è anche un ex membro della band di Arturo Sandoval e di Perspectiva.
Ernesto è uno dei più importanti batteristi jazz latino sulla scena di oggi, in particolare per quanto il batterista per Arturo Sandoval, Richard Bona, Paquito D'Rivera e Manuel Valera.
Ernesto è presente sul pezzo'No More Cha Cha' e 'Perla Marina'.
Pedro Martinez, un suonatore di conga cubana anche con sede a New York, è stato il primo posto premiato nel Thelonius Monk Competition nella categoria delle percussioni.
Pedro ha lavorato a lungo con Paquito D'Rivera, Patato Valdes, è stato descritto nel film Calle 54, ed è membro di Yerba Buena.
Si esibisce anche lui in 'No More Cha Cha'.
Roman Feliu, il noto per il suo ottimo lavoro con la band Irakere, ha suonato con David Murray e Isaac Delgado ed è uno dei giovani leoni della scena cubana.
Ha anche suonato sax soprano sulla melodia 'Perla Marina'.
Nelle sua descrizione dell'album Hilario così si esprime:
"Ho un grande attaccamento emotivo a questo progetto.
Tornando a L'Avana per riunirmi con i miei vecchi amici e colleghi, nello studio in cui è stata fatta tanta grande musica, sono stato molto contento ed è stato un punto culminante e creativo della mia carriera.
Spero che questa musica dia entusiasmo e gioia."
E' senz'altro, a mio avviso, questo obiettivo centrato in pieno.
La musica della compilation si libera con grande vitalità e suscita intense emozioni.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post