Candido Camero: The Volcanic/Latin Fire

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

 

The Volcanic/Latin Fire è una raccolta di Candido Camero di genere Jazz afrocubano uscita nel 2011 dalla Casa discografica Fresh Sound.

Titoli La raccolta include due album The Volcanic e Latin Fire. Temas: The Volcanic (Mono) 01. Peanut Vendor 02. Takeela 03. Moonlight In Vermont 04. Kinda Dukish 05. Warm Blue Stream 06. Take The A Train 07. The Lady In Red 08. Tin-Tin-Deo - Latin Fire (Stereo) 09. Swinging The Blues 10. Exactly Like You 11. King Porter Stomp 12. JaDa.mp3 13. It Don't Mean A Thing If It Ain't Got That Swing 14. Ain't She Sweet 15. When The Saints o Marchin' In 16. Honeysuckle Rose 17. Sweet Sue 18. Royal Garden Blues19.

Impressioni - Siamo di fronte alla grande musica di Candido Camero, la cui storia parte da Cuba nel 1921 dove, fin da tenera a età, comincia a suonare i bonghi. In seguito il padre gli insegna a suonare il tres cubano, uno strumento che poi gli servirà per accompagnare grandi come Ramón, "Mongo" Santamaría e Luciano "Chano" Pozo. Il suo debutto professionale avviene all'età di 14 anni nei locali dell'Avana. Arrivato negli Stati Uniti all'età di 25 anni presto comincia a suonare con il pianista Billy Taylor. Nei primi mesi del 1950 lavora con Dizzy Gillespie e diventa membro della la big band di Stan Kenton, con la quale gira il paese suonando tre congas oltre al guiro . Cándido aveva iniziato a suonare le congas nel 1940, con bande di musica jazz a L'Avana, ottenendo grande successo e riconoscimento. In America nel 1946 aveva accompagnato un gruppo di ballo cubano in tour. Il gruppo formato da Carmen e Rolando, due ballerini professionisti, stava facendo il giro degli Stati Uniti, ma non poteva permettersi tutti i necessari suonatori di conga e bongo, allora Candido decide si suonare contemporaneamente entrambi gli strumenti. Il successo è stato immediato, dal momento che per il pubblico che era qualcosa di nuovo e speciale. Durante questo periodo Cándido, ottenuto un secondo conga da adattare al suo set, diventa così il primo percussionista ad utilizzare più di un tamburo conga. L'emergere del terzo conga risale al 1950, quando Cándido sente il bisogno di suonare intere canzoni con le congas. La sua carriera in America del Nord inizia nel mese di ottobre 1952 e si apre con un impegno di sei settimane al Clover Club di Miami, seguito da un trasferimento a New York suggerito dal suo nuovo amico, il trombettista Dizzy Gillespie, che personalmente lo ha portato al Downbeat Club a suonare con il pianista Billy Taylor. Durante il 1953 e il 1954 registra con il trio di Taylor, Erroll Garner e Gillespie "Manteca Suite" (la prima di molte collaborazioni registrate con Dizzy) e si esibisce in tour con Stan Kenton Orchestra . Forma poi un proprio gruppo e le prime registrazioni risalgono al 1956. Candido, con la sua band, viaggia molto in tutto il Venezuela, Repubblica Dominicana, Puerto Rico, Miami e New York. Durante la fine degli anni '50, negli anni '60, e fino agli anni '70, Cándido divenne il più attivo percussionista in America Latina sia nella musica jazz come in quella pop. Appare poi alla Televisione in misura sempre più frequente insieme ad altri validi musicisti del calibro di Charlie Parker, Gene Ammons, Stan Getz, Phil Woods, Sonny Rollins, Illinois Jacquet, Coleman Hawkins e il chitarrista Kenny Burrell e Wes Montgomery, George Shearing e il pianista Marian McPartland ed i cantanti Dinah Washington , Lena Horne, Patti Page, Tony Bennett, Charo e Antonio Carlos Jobim. Candido appare inoltre, sempre in TV, con direttori d'orchesta come Tommy Dorsey, Duke Ellington, Woody Herman, Lionel Hampton, Doc Severinsen, Chico O'Farrill, Lalo Schifrin, il batterista / bandleader Art Blakey, Elvin Jones, Mongo Santamaria e Tito Puente, e altri maestri di conga come Giovanni Hidalgo e Carlos "Patato" Valdés. Per decenni ha unito il suo talento altamente sviluppato dell'arte afro-cubana con la musica da discoteca, il funk e praticamente tutto ciò che era nell'aria. Con più di 16 album al suo attivo Cándido ha navigato trionfalmente attraverso i primi anni del 21 ° secolo con grande vena artistica ed estrema vitalità. La sua maestria si sviluppa sulla linea di tamburi premium in tre diversi modelli: el Quinto,la Conga e la Tumbadora. In questo doppio album si sente in maniera emozionale l'influenza dei ritmi variopinti cubani ed il jazz nord americano. Attraverso la bonga e le varie percussioni, Candido riesce a dimostrare tutte le sue doti con il sottofondo ideale dell'orchestra guidata da Enie Wilkins e Albam Manny. Nei vari brani della compilation si sente l'impronta della sua musica energica. L'impatto dei fiati è sempre dirompente e anche gli altri strumenti si muovono con originalità e vitalità. Candido si destreggia in questo ensamble con la varietà dei suoi ritmi afro-cubani e risulta estremamente convincente nelle performance, tutte di grande effetto. Gli amanti delle percussioni, in questi pezzi, potranno gustare degli assoli entusiasmanti dei vari tamburi che immergono in un ritmo coinvolgente.

Commenta il post