Irakere: Great Moments

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Irakere: Great Moments

Titolo: Great Moments
Artista / Gruppo: Irakere
Genere: Internazionale
Sottogenere: Latina
Data di uscita: 01/11/1996
Anno di pubblicazione: 1991
Casa discografica: Milan

Album
I titoli
1 Bacalao Con Pan 3:46
2 Valle De Picadura 4:54
3 Danza de los ñáñigos 5:00
4 Concierto De Aranjuez 9:50
5 Romance (Juegos Prohibidos) 4:15
6 Preludio N°3 4:30
7 Las Margaritas 7:49
8 A Chano Pozo 6:49
9 Baila Mi Ritmo 6:06


Impressioni
La band cubana fondata dal pianista Chucho Valdés nel 1973, è un gruppo di notevole portata per la musica cubana.
Per parlare di Irakere basta dire che la compagine cubana ha meritato un Grammy Awars, con l'album omonimo "Irakere", per la migliore registrazione latina, nel 1980.
Tra i membri del gruppo sono passati musicisti rinomati che hanno formato altre band di prestigio.
Infatti si devono ricordare il flautista José Luis Cortés che in seguito ha costituito NG la Banda, il sassofonista Paquito D'Rivera che ha lasciato Cuba e gli Irakere nel 1980 per gli Stati Uniti, il trombettista Arturo Sandovale pure trasferitosi in America nel 1990
Il gruppo musicale cubano ha scelto un nome importante per la cultura afro-cubana.
Irakere infatti significa "foresta" o "boschi" e fino a due secoli fa indicava il nome di una regione in cui vivevano i migliori percussionisti africani.
Il gruppo è imperniato sulla figura del grande musicista Chucho Valdès
La storia della band Irakere ha visto succedersi vari personaggi, molti dei quali noti e importanti nell'ambiente jazz come Paquito D'Rivera o Arturo Sandoval.
Sebbene l'apice del successo sia stato raggiunto negli anni '80, il gruppo oggi continua ad esistere e a produrre musica unica nell'ambiente Jazz.
Tra i cambiamenti che si sono avverati nella band rimangono i volti storici del grande Carlos del Puerto e del il batterista Enrique Pla.
Al centro di tutto: Chucho Valdès , compositore infaticabile che alterna il lavoro da solista con quello del gruppo.
Il suono della band è una sintesi prorompente che attinge dal patrimonio della musica afro-cubana, dalla classica, jazz latino e quello americano e dalle fonti cubane folk.
Prima dell'embargo statunitense monti Jazzisti americani trovavano ispirazione dalla realtà variegata delle armonie dell'isola caraibica.
Il gruppo Irakere è riuscito però a mantenere i contatti con il jazz americano ed è stato un esempio di questa finestra rimasta sempre aperta in un dialogo musicale appassionato.
Questo album riprende i pezzi di maggiore successo della Band.
I potenti ritmi cubani si mescolano a sonorità più raffinate del jazz americano e della musica classica.
Si tratta di un album interessante da tutti i punti di vista.
A mio avviso musica di ottima qualità che merita attenzione.

Commenta il post