Val Trebbia

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Una zona della provincia di Piacenza, con i suoi borghi e paesi interessante da vedere è la val Trebbia. Grazie al suo fiume, che nel periodo estivo porta refrigerio ai numerosi bagnanti, è la valle più famosa tra quelle piacentine. Dal punto di vista storico l'interesse anche internazionale punta quasi unicamente su Bobbio, città di S.Colombano e sul castello di Rivalta, fra i primi resi visitabili nel piacentino. Però è un susseguirsi oltre a questi, anche di altri manieri e borghi antichi forse un po’ meno conosciuti. E’ una delle vallate più suggestive del territorio, con le sue montagne, i fiumi, le verdi valli e le dolci colline. 
La bassa Val Trebbia comprende i Comuni di Calendasco, Gazzola, Gossolengo, Gragnano trebbiense e RottofrenoLa media Val Trebbia comprende i Comuni di Rivergaro e Travo.
Questo borgo ridente sulla sponda del Trebbia ha mantenuto un centro storico di grande valore con il suo castello e la chiesa risalenti al medioevo.
Attualmente Travo soprattutto d’estate è una meta di richiamo.
Da questo borgo, risalendo la strada per Bobbiano, si può raggiungere la grande roccia di Perduca, e la Pietra Parcellara, massiccio roccione, che in un contesto di colline sembra sia piovuto dal cielo.
Quindi una montagna interessante da vedere e sulla quale si può arrivare arrampicandosi lungo una ripida scalinata giungendo alla vetta di 836 metri d’altezza.
Un’esperienza che ho provato e si può fare senza difficoltà.
Dopo una scarpinata sulla roccia di circa mezzoretta, si arriva a godere un bel panorama. L'alta Val Trebbia comprende i Comuni di Bobbio, Cerigale, Coli, Corte Brugnatella, Ottone e ZerbaUn territorio di grande valore con le sue antichità e il paesaggio naturale che, spingendosi in alto, rimane incontaminato. Nel complesso una valle da visitare. 
Infatti molti sono i visitatori, che in questo periodo estivo, vanno a godersi il fresco delle colline e del fiume Trebbia con le sue acque limpide.

 

Con tag Bella Italia

Commenta il post