Sacro Speco di San Francesco a Sant'Urbano di Narni

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Anche questo eremo si rifà alla spiritualità francescana ed è stato fondato con ogni probabilità dallo stesso san Francesco nel 1213.
Però bisogna far risalire la sua origine al 1000 circa, quando già alcuni eremiti vi si erano insediati.
Dipendeva dai benedettini di San Benedetto in Fundis di Stroncone e comprendeva varie grotte e la Chiesetta di San Silvestro. E’ un complesso che mi ha colpito per l’intensa religiosità che si percepisce, ora è retto dai frati minori che lo gestiscono dal 1933. L’ho trovato un luogo di fascino anche naturalistico in cui sono inserite le semplici ricostruzioni che si rifanno all’epoca dell’eremo. Da vedere gli interessanti affreschi del 300 nella chiesa, nel chiostro e nella cappella di San Silvestro. Il viale della processione, che sale fra gli alberi, è molto suggestivo e conduce al rifugio di San Francesco. Lo Speco è formato da una spaccatura, lunga 60 m, nella roccia che scende a precipizio nella valle sottostante. E’ quindi un paesaggio di grande impressione che unisce la spiritualità ad una natura ancora incontaminata e impervia. In tutto il complesso monastico vige la clausura, tranne nella foresteria e nei locali aperti al culto pubblico. E’, a mio avviso, un luogo di notevole fascino che si inserisce bene in un itinerario sulle orme di Francesco d’Assisi.

Con tag Bella Italia

Commenta il post