I musei di Palazzo Pitti

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Con un altro unico biglietto si può entrare nel Museo degli Argenti, nel Museo delle Porcellane e al Museo del Costume.
Il Museo degli Argenti, ubicato nell’ala nord del palazzo, occupa gli appartamenti estivi dei Medici e contiene una vasta collezione di pezzi di oreficeria, argenteria, cristalli, cammei, opere in pietre dure e in avorio.
Di inestimabile valore è la famosa collezione di gioielli di Anna Maria Luisa, l’ultima erede della famiglia Medici. Al mezzanino, il piano intermedio del museo, si può vedere una eccezionale collezione di ritratti in miniatura realizzati renel periodo dal XVI al XX secolo.
Il Museo delle Porcellane, ospitato nella settecentesca Palazzina detta del Cavaliere, ubicata in cima al meraviglioso Giardino di Boboli, raccoglie delle bellissime porcellane provenienti dall’Europa e dall’Italia.
Gli esemplari esposti giungono dalle tradizione di lavoro artigianale di vari paesi europei. Si possono ammirare piatti, tazze, tazzine, teiere, statuine e vasi, tutti decorati con grande maestria e motivi ornamentali in stile rococò e neoclassico.
Il Museo del Costume è incluso nella Palazzina della Meridiana, l’altro edificio vicino al Giardino di Boboli.
In questo ambiente sono presentati abiti antichi, a partire dal XVI secolo fino ad arrivare ai giorni nostri con le firme di Valentino, Armani, Versace e Saint Laurent, solo per citarne alcuni. 
Di notevole interesse è anche la collezione di costumi teatrali raccolta da Umberto Tirelli, a cui va aggiunta una singolare serie di bigiotteria di scena del XX secolo. Da osservare con curiosità i vestiti funebri del Granduca Cosimo I e di sua moglie Eleonora di Toledo. 
La visita a questi musei consente di percorrere il parco del Giardino di Boboli, un tipico esempio di giardino all’italiana con incluse, nei suoi camminamenti, numerose sculture che spaziano cronologicamente dall’antichità romana al XX secolo. Si tratta, grazie all’ingegnosa impostazione paesaggistica e architettonica, di un originale museo all’aperto dove si hanno vedute incantevoli degli edifici del complesso monumentale di Palazzo Pitti e scorci panoramici della città di Firenze.
Dal viale centrale si dipanano diversi vialetti ricoperti di ghiaia che conducono alle innumerevoli fontane, laghetti, grotte e tempietti.
Il biglietto d’ingresso cumulativo permette la visita al Museo degli Argenti, al Museo delle Porcellane, al Museo del Costume e al Giardino di Boboli.
Sempre sul sito polomuseale.firenze.it si può effettuare la prenotazione on line che consente di arrivare sul posto già con il ticket evitando le code.
Gli orari per la visita di questa parte di Palazzo Pitti, aperta dal lunedì alla domenica, seguono il seguente calendario: 
nei mesi di novembre, dicembre, gennaio e febbraio dalle 8:15 alle 16:15; 
nel mese di marzo dalle 8:15 alle 17:15;
nei mesi di aprile, maggio, settembre e ottobre dalle 8:15 alle 18;15;
nei mesi di giugno, luglio e agosto dalle 8:15 alle 18:30.
Questa zona museale rimane chiusa il primo e l’ultimo lunedì del mese, il giorno di Capodanno, il 1° maggio e il 25 dicembre.

Si tratta quindi, a mio parere, di una sede che include alcuni dei musei più importanti d’Italia. Le opere esposte sono inserite in un Palazzo tra gli esempi architettonici più significativi di Firenze, un Palazzo da gustare e ammirare con attenzione.

Con tag Bella Italia

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post