Cose di Cosa Nostra

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

440.pngGiovanni Falcone citava spesso la frase di J. F. Kennedy: "Un uomo fa quello che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa è la base di tutta la moralità umana".
La giornalista Marcelle Padovani corrispondente de "Le Nouvel Observateur" ha realizzato questo importante testo e così scrive di Falcone:
"L’ho incontrato per la prima volta nel 1984 al tribunale di Palermo, dietro le sue porte blindate, protetto da un sistema di sorveglianza elettronico in funzione ventiquattro ore su ventiquattro. Rimasi colpita dalla chiarezza delle sue idee, dal livello delle informazioni in suo possesso, dalla sincerità del suo impegno antimafia. E da una specie di riserbo metodico: la consapevolezza di dover stare perennemente in guardia? "
Di Falcone, la giornalista d'oltralpe mette in evidenza sua enorme capacità di lavoro e la sua abnegazione.
Per undici anni, comunque, è vissuto nell’atmosfera artificiale delle corti di giustizia, delle carceri, degli uffici superprotetti. 
Non usciva mai, vedeva il sole soltanto attraverso i finestrini blindati della sua Alfa Romeo. 
Davanti alla sua abitazione due poliziotti montavano la guardia giorno e notte.

 


L'incontro con Falcone
Marcelle Padovani ha incontrato Falcone regolarmente per il « Nouvel Observateur», per un libro e per un film girato con il regista Claude Goretta nel 1987, alla conclusione del maxiprocesso. 
L’équipe televisiva l’aveva soprannominato Johnny e durante i due mesi delle riprese aveva condiviso le misure di sicurezza applicate dai poliziotti incaricati di proteggerlo: il suo nome non veniva mai pronunciato nella hall di un albergo o in un ristorante, per non fornire al « nemico » informazioni involontarie sulla sua persona e i suoi spostamenti. 
Nell'intervista Marcelle scopre un uomo diverso, allegro, pieno di humour e di gioia di vivere, che le difficoltà della vita non avevano reso né inquieto né angosciato. 
La giornalista lo definisce un siciliano illuminista, da "Secolo dei lumi". 
Uomo estremamente schivo, che evita come la peste gli argomenti personali nel corso della conversazione. 
Marcelle così si esprime:
"Siamo sicuri che Giovanni Falcone non voglia darci una lezione? Durante le venti interviste che costituiscono l’ossatura di questo libro, la solitudine di questo magistrato fuori del comune mi è apparsa ancora più evidente che. 
La certezza della vittoria finale non l’ha mai abbandonato. 
L’opacità di un grosso ministero, le logiche della politica «politicante », il machiavellismo dei « palazzi» romani non l’hanno tuttora distolto dalla sua idea fissa: lo Stato ha i mezzi per sconfiggere la mafia."


La sua vita
Per la Padovani Falcone costituisce ancora oggi un’anomalia nel panorama della magistratura italiana. 
Di famiglia borghese e conservatrice, residente nel centro di Palermo: padre funzionario alla provincia, madre molto religiosa che lo fa partecipare alla vita della chiesa. 
Da piccolo serve messa. 
Divenuto più grande, nutre una rispettosa nostalgia per la fede. 
Adolescente, si appassiona al canottaggio, prima di interrogarsi sul proprio avvenire: sarà medico o magistrato? In questo periodo si infiamma per uno scritto gonfio di retorica di Giuseppe Mazzini che più o meno recita: «La vita è missione ed il dovere è la sua legge suprema ». 
Accantonata la medicina, Falcone pensa a una carriera di ufficiale di Marina; fa domanda di iscrizione all’Accademia navale e, contemporaneamente, alla facoltà di giurisprudenza dell’Università di Palermo. 
Alla fine il diritto avrà la meglio e nel 1964 Falcone supera il concorso per entrare in magistratura. Ricorda i sentimenti che provava e che in certa misura rimangono ancora oggi gli stessi: 
«Appartengo a quella categoria di persone che ritiene che ogni azione debba essere portata a termine. 
Non mi sono mai chiesto se dovevo affrontare o no un certo problema, ma solo come affrontarlo».



852694047_5e5cec8ea5.jpgIl diritto penale

Nutrito di principi spartani, non poteva accontentarsi del diritto civile, cui si dedicò nei primi anni della sua carriera. 
La sua vocazione era per quello penale. 
O meglio: per i processi contro la mafia. 
E come può essere altrimenti, in Sicilia, per chi è coerente con se stesso? 
I giornalisti di passaggio a Palermo hanno più volte cercato di scoprire come viveva, qual era l’intensità della sua paura quotidiana, se la vicinanza del pericolo gli procurava angoscia. 
Falcone ha sempre risposto con serenità: 
« Il pensiero della morte mi accompagna ovunque. 
Ma, come dice Montaigne, diventa presto una seconda natura. 
Certo, si sta sul chi vive, si calcola, si osserva, ci si organizza, si evitano le abitudini ripetitive, si sta lontano dagli assembramenti e da qualsiasi situazione che non possa essere tenuta sotto controllo. 
Ma si acquista anche una buona dose di fatalismo; in fondo si muore per tanti motivi, un incidente stradale, un aereo che esplode in volo, una overdose, il cancro e anche per nessuna ragione particolare».


Ironia sulla morte
L’ironia sulla morte fa parte del retaggio culturale siciliano. 
Leonardo Sciascia ne era maestro. 
Falcone da parte sua racconta con un certo divertito compiacimento le battute del tempo del maxiprocesso. 
«Mi viene a trovare a casa il collega Paolo Borsellino. “Giovanni,” mi dice “devi darmi immediatamente la combinazione della cassaforte del tuo ufficio.” “E perché?” “Sennò quando ti ammazzano come l’apriamo?”.»
E ancora sorride se ripensa agli umidi pomeriggi afosi trascorsi con i colleghi del pool antimafia a scrivere i propri necrologi truculenti da pubblicare sul Giornale di Sicilia. 
Falcone diventerà un magistrato da manuale, un servitore dello Stato che dà per scontato che lo Stato debba essere rispettato.
Non uno Stato ideale e immaginario, ma questo Stato, così com’é.

Il metodo Falcone
Di Falcone la giornalista riconosce la straordinaria capacità di lavoro il suo rigore.
Le operazioni « Pizza Connection », « Iron Tower » e « Pilgrim », condotte di concerto con gli inquirenti americani, e poi quel vero capolavoro che è stato il maxiprocesso del 1986, passeranno alla storia come esempio del «metodo Falcone». 
Si può tentare di ricostruire i rapporti tra questo magistrato pragmatico, alieno da qualsiasi astrazione ideologica, attento a rispettare le norme, concreto e riservato, con uno dei boss mafiosi, o un pentito, sottoposto al suo martellante interrogatorio. Insolenti o vittimisti, chiusi in un ostinato silenzio o violentemente contestatori, Falcone oppone loro una calma e una sicurezza di sé incrollabili. 
Niente sguardi di intesa, niente rapporti basati sul tu, ma nemmeno insulti: devono rendersi conto di trovarsi di fronte allo Stato. 
« Durante l’interrogatorio di Michele Greco, capo di Cosa Nostra. a Palermo, ogni tanto ci dicevamo a vicenda:
“Mi guardi negli occhi!”, perché entrambi sapevamo l’importanza di uno sguardo che si accompagna a un certo tipo di affermazione. » 
Questo è l’asso nella manica di Falcone: siciliano, anzi - meglio - palermitano, ha trascorso tutta la vita immerso nella diffusa cultura mafiosa, come un altro siciliano qualsiasi e come un qualsiasi mafioso, e conosce perfettamente il lessico delle piccole cose, dei gesti e dei mezzi gesti che a volte sostituiscono le parole. 
Sa che ogni particolare nel mondo di Cosa Nostra ha un significato preciso, si riallaccia a un disegno logico, sa che nella nostra società dei consumi, in cui i valori tendono a scomparire, si potrebbe pensare che le rigide regole della mafia offrano una soluzione, una scappatoia non priva apparentemente di dignità, e ha di conseguenza imparato a rispettare i suoi interlocutori anche se sono criminali. 
Nelle interviste con la giornalista, Falcone manifesta anche il rispetto per i mafiosi pentiti. 
E lo stesso Calderone dichiara ai giornali: 
« Ho collaborato con Falcone perché è uomo d’onore ». 
E, lasciata l’Italia per destinazione ignota nel tentativo di sfuggire all’immancabile vendetta di Cosa Nostra dopo le confessioni rilasciate alla magistratura, gli fa pervenire questa lettera straordinaria: 
« Signor giudice, non ho avuto il tempo di dirle addio. 
Desidero farlo ora. 
Spero che continuerà la sua lotta contro la mafia con lo spirito di sempre. 
Ho cercato di darle il mio modesto contributo, senza riserve e senza menzogne. Una volta ancora sono costretto a emigrare e non credo di tornare mai più in Italia. Penso di avere il diritto di rifarmi una vita e in Italia non è possibile. 
Con la massima stima, Antonino Calderone».


Difensore dei pentiti
Di fronte all’incapacità e alla mancanza di responsabilità del governo, si è dovuto erigere a difensore di certi mafiosi contro lo Stato, soprattutto dei pentiti, vittime di vendette trasversali. Cosa Nostra uccide ad essi padre, madre, parenti e amici per avere rotto il fronte del silenzio ed essi hanno dovuto aspettare una legge del 1991 per poter beneficiare di un programma di protezione ufficiale, per aver diritto a vivere. A Falcone, quindi, è toccato di trovarsi dall’altra parte della barricata, a fianco di mafiosi ed ex mafiosi contro la barbarie dello Stato. 
Ecco la situazione di questo singolare magistrato secondo Marcelle Padovani: 
"meglio di chiunque altro può combattere la mafia perché la conosce e la comprende. Ma è poi tanto strano che un fanatico dello Stato come lui sia affascinato da Cosa Nostra proprio per quello che rappresenta di razionalità statale? "


La mafia stato
Falcone sapeva di lottare contro la mafia sistema di potere, articolazione del potere, metafora del potere, patologia del potere. 
La mafia che si fa Stato dove lo Stato è tragicamente assente. 
La mafia sistema economico, da sempre implicata in attività illecite, fruttuose e che possono essere sfruttate metodicamente. 
La mafia organizzazione criminale che usa e abusa dei tradizionali valori siciliani. La mafia che, in un mondo dove il concetto di cittadinanza tende a diluirsi mentre la logica dell’appartenenza tende, lei, a rafforzarsi; dove il cittadino, con i suoi diritti e i suoi doveri, cede il passo al clan, alla clientela, la mafia, dunque, si presenta come una organizzazione dal futuro assicurato. 
Il contenuto politico delle sue azioni ne fa, senza alcun dubbio, una soluzione alternativa al sistema democratico.


La struttura del libro
Il testo si fonda su venti interviste fatte giudice Falcone tra il marzo e il giugno 1991 sono articolate in sei capitoli, disposti come altrettanti cerchi concentrici attorno al cuore del problema-mafia: lo Stato. 
Il primo cerchio tratta della violenza, la manifestazione più tangibile di Cosa Nostra. 
Il secondo dei messaggi e messaggeri dell’organizzazione. 
Il terzo degli innumerevoli intrecci tra vita siciliana è mafia. 
Il quarto dell’organizzazione in quanto tale. 
Il quinto della sua ragion d’essere: il profitto. 
Il sesto è consacrato alla sua essenza: il potere. 
Alla giornalista è sembrato, attraverso questo approccio graduale dal percettibile al nascosto, di trasmettere il senso essenziale dei suoi colloqui con Falcone. 
Ha tentato tuttavia di porre l’accento sulla testimonianza diretta di uno degli eroi dell’antimafia.
Secondo l'autrice questo libro non pretende di costituire la sintesi di tutto quanto si sa della mafia, né di tutto quanto Falcone sapeva della mafia, ma soltanto di « un certo numero di cose » che egli ha raccolto su quella cosa incredibile chiamata Cosa Nostra. 
Un testo di grande spessore che mi ha coinvolto in una lettura appassionante.

 

Con tag Libri

Commenta il post