Castell'Arquato, intatto borgo medievale

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

In questo paese si respira aria di altri tempi e si è ammaliati dal fascino di monumenti antichi. Caratteristici sono i viottoli acciottolati che portano in cima al colle, una salita, in cui non si prova fatica, perché lo sguardo è continuamente sollecitato da architetture incantevoli che distolgono il pensiero dallo sforzo dell’ascesa. Castell'Arquato, città d'arte, tra Emilia e Lombardia è ubicata in una posizione particolare, tra pianura e Appennino, sopra una delle prime colline, un’altura che domina la pianura, è quindi evidente la sua posizione strategica che ancora oggi si coglie a primo acchito. Un altro aspetto importante del borgo è la sua intensa storia.
Liguri, Galli, Romani, poteri ecclesiastici e civili, papi, cavalieri di ventura e signori Rinascimentali hanno lasciato una traccia nella storia di questo paese. Oggi l'economia del borgo è prevalentemente agricola, soprattutto legata alla coltivazione delle viti che producono gli ottimi vini piacentini e alla creazione di rinomati salumi, quali coppa Dop, pancetta, salame e culatello.
Altrettanto vivaci sono le attività artigianali di ebanisteria e restauro mobili antichi. Inoltre molti artisti, soprattutto pittori hanno qui il loro studio traendo dai questi luoghi magica ispirazione. Il turismo soprattutto nella bella stagione anima il borgo, molti visitatori ammirati vengono a scoprire questi angoli suggestivi e qui possono trovare anche iniziative e mostre interessanti. A mio avviso, Castell’Arquato è dunque una realtà di grande valore storico e artistico. In questo contesto si fa un vero e proprio salto nel tempo, si è proiettati nel pieno Medioevo. La parte monumentale è ricchissima vediamo quali sono le opere più significative.

Rocca Viscontea
Eretta da Luchino Visconti tra il 1342 e il 1349. Mi hanno colpito le quattro torri difensive, di cui solo quella orientale è integra. Comunque nel complesso danno l’idea di forza, di imponenza e maestosità. Dalla mole del “dongione" si può godere di uno splendido panorama. Interessante, infine, il museo medievale che vi è allestito.

Collegiata
E’ questa l’opera architettonica, a mio avviso, più affascinante soprattutto il gruppo absidale dona alla struttura un armonia unica e immerge in un atmosfera medievale. La struttura ricostruita su una chiesa precedente è del 1117 ed è stata consacrata nel 1122.
Di grande pregio è Il fonte battesimale in pietra è databile VII-VIII secolo.
Il portico tre-quattrocentesco detto “del Paradiso" perché ospita le tombe di personaggi illustri si sviluppa a sinistra della costruzione.
Quando si entra in questa piazza è, per me, di grande effetto soprattutto la visione delle quattro absidi che, contrapposte al tetto a capanna della chiesa e al campanile quadrato, creano un effetto prospettico di incomparabile proporzione e concordanza.

Palazzo del Podestà
Sul lato nord della piazza monumentale è posto il Palazzo del Podestà, una struttura datata 1202.
L’aspetto più singolare di questo monumento è la scalinata esterna ideale per scattare la foto ricordo. Questa lunga scalinata dona, a mio parere, armonia alla mole della facciata.

Torrione Farnese
Questa torre, eretta intorno al 1530, è posta nel quartiere Monteguzzo, è rimasta incompiuta per la morte del duca Bosio II Sforza. Un’opera che mi dato l’impressione di robustezza per la sua funzione difensiva.

Fontana del Duca
Questa fonte è datata intorno al 1290, da qui ancora oggi si può attingere acqua e fino al secolo scorso era usata come lavatoio pubblico.

Ospedale di Santo Spirito
Questo Ospedale risale al 1500, si tratta di una significativa costruzione che attualmente ospita il Museo Geologico.

Mura

Oggi restano solo due porte delle quattro originarie facenti parte della cinta muraria d’accesso alla città.
Le mura furono innalzate nel 1342 e oggi sono molto rimaneggiate.

Questi, brevemente descritti, sono i monumenti principali di questo incantevole borgo.
L’aspetto più affascinante della visita è, a mio avviso, il perdersi nella trama di questi vicoli antichi che rendono questo luogo pieno di mistero e nello stesso tempo piacevole per gli scorci e le visuali che si offrono agli occhi.

 

Con tag Bella Italia

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post