Avignone, Pont St-Bénezet

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

8776035299_dcbf03173e.jpgNella visita ad Avignone, oltre che il palazzo dei papi, fondamentale è stata la ricerca del famoso ponte, ricco di storia che ha ispirato la celeberrima canzone filastrocca.
I bambini francesi la cantano e la conoscono perfettamente: 
" Sur le pont d'Avignon, 
L'on y danse, l'on y danse, 
Sur le pont d'Avignon 
L'on y danse tout en rond. 
Les beaux messieurs font comme ça 
Et puis encore comme ça. 
Sur le pont d'Avignon 
L'on y danse tout en rond." 
Curiosa la leggenda relativa alla costruzione del Ponte St-Bénézet, che è proprio quella della filastrocca conosciuta da tutti i bambini di Francia: 
"si narra che il giovane pastore Bénézet udì delle voci che gli ordinavano di costruire ad Avignone un ponte che varcasse il Rodano. Guidato da un angelo, si recò dall'arcivescovo della città, che lo volle mettere alla prova. Dotato estemporaneamente di una straordinaria forza, Bénézet sollevò un enorme masso e lo pose sulla riva del fiume, dicendo che quella pietra sarebbe stata la prima della futura costruzione." Il ponte, a prescindere dalla leggenda, risale comunque al 12° secolo. Distrutto una prima volta nel 1226, fu variamente e più volte ricostruito, fino al definitivo abbandono nel corso del 17° secolo. Ne rimangono oggi solamente 4 arcate e una piccola cappella, dedicata a Saint-Nicolas, sul secondo pilone. Camminando fino alla fine del ponte e da lì, rivolgendo lo sguardo verso il centro storico, si gusta una visuale stupenda della città e anche delle caratteristiche sponde del fiume. Se si è in vacanza sulla riviera ligure penso che una gita ad Avignone possa essere veramente interessante. Si potrà compiere una visita ad una accogliente cittadina, ricca di storia e di cultura... 

Con tag Viaggiare

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post