DIZZY GILLESPIE: Digital at Montreux 1980

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Digital a Montreux 1980 è un album dal vivo del trombettista Dizzy Gillespie con Toots Thielemans e Bernard Purdie registrato al Montreux Jazz Festival nel 1980 e precisamente nel Casino de Montreux in Svizzera, pubblicato dalla Original Jazz Classics, Pablo Record.

Titoli Introduction by Claude Nobs - 0:51 "Christopher Columbus" (Chu Berry, Andy Razaf) - 9:30 "I'm Sitting on Top of the World" (Ray Henderson, Sam M. Lewis, Joe Young) - 12:20 "Manteca" (Gil Fuller, Dizzy Gillespie, Chano Pozo) - 9:20 "Get That Booty" (Gillespie) - 2:22 "Kisses" (Gillespie) - 6:40

Musicisti Dizzy Gillespie - trumpet, piano, cowbell, Jew's harp, vocals Toots Thielemans - guitar Bernard Purdie - drums

Impressioni Capire la musica di Dizzy Gillespie significa ripercorrere le tappe della sua vita. Il più giovane di nove figli, John Birks Gillespie è cresciuto in povertà, ha vinto una borsa di studio per una scuola agricola (Laurinburg Institute in Carolina del Nord), poi nel 1935 abbandonato la la scuola per cercare lavoro come musicista. Ispirato e inizialmente fortemente influenzato da Roy Eldridge, Gillespie (che ben presto ha guadagnato il soprannome di "Dizzy"), si unisce alla band di Frankie Fairfax a Philadelphia. Nel 1937, entra a far parte dell'orchestra di Teddy Hill in un posto precedentemente occupato da Eldridge. Dizzy ha fatto il suo debutto discografico sulla resa della collina di "King Porter Stomp" e durante il suo breve periodo con la band in tour in Europa. In seguito Gillespie entra nell''orchestra di Cab Calloway (1939-1941),dove inizia delle registrazioni con molti assoli alla tromba che danno il la al suo successo. A quel punto, Gillespie aveva già incontrato Charlie Parker, che ha confermato la validità della sua ricerca musicale. Durante gli anni 1941-1943, Dizzy passa attraverso molte band, compresi quelli guidati da Ella Fitzgerald, Coleman Hawkins, Benny Carter, Charlie Barnet, Fess Williams, Les Hite, Claude Hopkins, Lucky Millinder (con il quale ha inciso nel 1942), e perfino Duke Ellington (per quattro settimane). Alla fine del 1942 si è unito a big band Earl Hines. Da allora, Gillespie inizia il suo stile creativo con la sua composizione più famosa "A Night in Tunisia". Il 1945 è stato l'anno della svolta. Dizzy Gillespie con Charlie Parker realizzano registrazioni che incontrano il favore del pubblico come "Salt Peanuts", "'Shaw Nuff", "Groovin' High" e "Hot House" L'anno seguente è Dizzy Gillespie a mettere insieme un'orchestra di successo per quasi quattro anni memorabili. "Manteca" è diventato uno standard insieme a "Cubana Be / Cubana Bop" caratterizzato dal mitico Chano Pozo. Con tali sideman, come i futuri membri originali del Modern Jazz Quartet (Milt Jackson, John Lewis, Ray Brown, e Kenny Clarke), James Moody, JJ Johnson, Yusef Lateef, e anche un giovane John Coltrane, la big band di Gillespie è stato un terreno fertile per la nuova musica. Durante 1948-1949, quasi tutti ex swing band stavano cercando di suonare bop e le maggiori case discografiche cercato molto duramente di spegnere questa musica. Nel 1950, la moda era finita e Gillespie fu costretto, a causa di pressioni economiche, di rompere la sua innovativa orchestra. Aveva occasionali (e sempre emozionanti) riunioni con Charlie Parker (tra cui un leggendario concerto Massey Hall nel 1953) fino alla morte di Charlie nel 1955. Nel 1956, Gillespie è stata autorizzato a formare una big band e suonare un tour all'estero sponsorizzato dal Dipartimento di Stato. E 'stato un grande successo con ampie escursioni per il vicino Oriente, Europa e Sud America fino al 1958. Tra i giovani sidemen erano Lee Morgan, Joe Gordon, Melba Liston, Al Grey, Billy Mitchell , Benny Golson, Ernie Henry, e Wynton Kelly; Quincy Jones (con Golson e Liston) che hanno contribuito alcune delle disposizioni. Dopo l'orchestra si sciolse, Gillespie tornò a fare il leader di piccoli gruppi. Con tali sideman nel 1960 come Junior Mance, Leo Wright, Lalo Schifrin, James Moody, e Kenny Barron, ha mantenuto la sua popolarità, di tanto in tanto ha appositamente assemblato big band per i vari festival jazz. Nei primi anni '70, Gillespie in tour con i giganti del jazz e in quel periodo il suo estro nella tromba cominciò a svanire, un graduale declino che ha reso la maggior parte dei suoi anni '80 funzionare in modo abbastanza irregolare. Tuttavia, Dizzy è rimasto un viaggiatore del mondo, fonte di ispirazione e maestro per i trombettisti più giovani ed è stato il leader della Nazioni Unite Orchestra (con Paquito D'Rivera e Arturo Sandoval). La sua carriera musica si è mantenuta attiva fino all'inizio del 1992. Questo album è del 1980 ed insieme a Dizzy si sviluppa un trio di notevole rilievo con il chitarrista Toots Thielemans e il batterista Bernard Purdie . In questi brani Purdie, un funk consumato e un percussionista R & B, rende il passaggio al materiale tradizionale in modo adeguato, mentre Gillespie e Thielemans stabiliscono un rapporto costante di complicità e di grande iterazione. L'album, a mio avviso, non esprime appieno le potenzialità di Dizzy. Da sottolineare la splendida Manteca, performance eccellente e famosa che consacra Gillespie come Re del Jazz. Anche in "I'm Sitting on Top of the World" si ha la possibilità di ascoltare il virtuosismo di Gillespie e degli altri due encomiabili musicisti. Un album, a mio avviso, che merita ascolto e di grande impatto emozionale a cui manca forse il calore e il ruggito di una big band più ampia.

Commenta il post