Compay Segundo: Guantanamera the Essential Album

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Compay Segundo: Guantanamera the Essential Album

In questa raccolta si ascolta la ormai leggendaria canzone "Guantanamera" un simbolo di Cuba. interpretata da un altrettanto emblema dell'Isola: il grande Compay Segundo.

Guantanamera
Alcune canzoni hanno una storia.
Infatti alcune circostanze apparentemente non connesse tra loro lavorano silenziosamente perché, in un momento preciso, possa uscire qualcosa di grande.
E' questo il significato di Guantanamera: una storia che unisce poesia, giornalismo e le tensioni alla libertà di un popolo.
La prima parte della canzone ci riporta direttamente ad uno dei protagonisti della storia cubana:
José Martì, esponente massimo della letteratura cubana.
Politico, filosofo, giornalista, poeta, egli fu il creatore del partito rivoluzionario cubano e l'organizzatore della guerra di indipendenza dalla Spagna.
Nel 1891 pubblicò "Los versos sencillos" e dentro a questi versi troviamo proprio le prime parole del testo della canzone "Guantanamera" che ben conosciamo:
"Yo soy un hombre sincero / de donde crecen las palmas / y antes de morir quiero / cantar mis versos del alma."
Questo è il primo elemento su cui si fonda questo famosissimo pezzo: i versi del grande poeta cubano Josè Martì.
L'altro ingrediente di Guantanamera è il ritmo cubano.
Il prodotto del canto campesino, pure chiamato guajiro, è un ritmo che accompagnò la migrazione proveniente dall'oriente cubano verso la città dell'Avana nel XIX secolo.
Questo il ritmo base che sostiene la canzone.
Come terzo elemento abbiamo la figura dell'autore ufficiale del brano: Joseito Fernandez, conosciuto come "El rey de la melodia"
Joseito ha saputo dare forma a questa canzone regalandogli la stupenda melodia fondata sul ritmo guajiro.
Guantanamera, interpretata da una infinità di artisti come Demis Roussos, Libertad Lamarque, Benny Moré, Celia Cruz e Zucchero, in questa versione di Compay, si avvicina meglio allo spirito autenticamente cubano.

L'album
I Titoli
1.: Guantanamera
2.: El Día Que Me Quieras
3.: Enamorada
4.: Chan Chan
5.: El Camisón de Pepa
6.: La Bella Cubana
7.: Te Doy La Vida
8.: La Juma de Ayer
9.: La Negra Tomasa
10.: Sarandonga
11.: Al Toro
12.: Chicharrones
13.: Orgullecida
14.: Clarabella
15.: La Cleptómana
16.: Te Apartas de Mí
17.: ¿Y Tú Que Has Hecho? - Cooder, Joachim
18.: Macusa
19.: Malagueña
20.: Son de La Loma

Impressioni
Compay grande protagonista del Buena Vista Social Club ha mantenuto vive le tradizioni del Son, della Guaracha e della Trova cubana.
Questa raccolta di venti tracce è uscita proprio nel 2013, il decimo anniversario della morte di Compay.
Sulla copertina del disco. infatti, nella parte esterna si legge "Dieci anni senza Compay".
La compilation è ricca di pezzi presi da registrazioni effettuate tra il 1995 e il 2003 a Cuba e in Spagna.
Immancabili i pezzo "El camison de Pepa" e l'esilarante "La Cleptomana".
Il pezzo "Orgullecida" mette in mostra l'abilita di Compay alla sua chitarra così come nel canto.
L'onnipresente "Chan Chan" è il glorioso numeroso uno del concerto del Buena Vista.
La ballata "¿Y Tú Que Has Hecho?" è una musica agrodolce e piacevole.
Nel complesso l'album raccoglie importanti canzoni che rappresentano al meglio il panorama della musica cubana.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post