Omara Portuondo & Maria Bethânia

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Omara Portuondo & Maria Bethânia

Un disco prestigioso , uscito nel 2008 dalla casa discografica brasiliana Biscoito Fino, che presenta due grandi interpreti della musica latina.

L'incontro
L'idea di questo incontro tra le due stelle è nato nel 2005 quando le due cantanti si sono esibite insieme durante la tournée del Buena Vista Social Club in Brasile.
La brasiliana Maria Bethania e la cubana Omara Portuondo con questo connubio, offrono una serie di emozioni musicali e poetiche.
In alcuni casi le due si esibiscono in duetto nella propria lingua, in altre cantano entrambe in spagnolo, mentre una parte del disco contiene esibizioni individuali, tutte di altissimo livello.
A seguito di questo Cd è arrivato anche il tour delle due cantanti in Brasile con l'aggiunta di Buenos Aires e Santiago del Cile

Le tracce
1.: Lacho
2.: Menino Grande
3.: Nana Para un Suspiro (Semillita)
4.: Poema Lxiv-Palabras-Palavras
5.: Tal Vez
6.: Voce
7.: Arrependimiento
8.: Mil Congojas
9.: So Vendo Que Beleza (Marambaia)
10.: Para Cantarle a Mi Amor
11.: Caipira de Fato - El Amor de Mi Bohio

Impressioni
Due grandi voci, due grandi interpreti, due grandi tradizioni musicali che si incontrano: Omara Portuondo e Maria Bethania, Cuba e Brasile.
Da un incontro di tale livello non può che nascere una musica prodigiosa.
Infatti l'album “Omara Portuondo e Maria Bethania” è un lavoro di classe, è quel disco latino-sudamericano che ancora ci mancava.
Le cantanti si esprimono al meglio nei brani in cui sono libere di far sentire la loro voce in tutta naturalezza.
Quindi sono da apprezzare Menino grande, un pezzo di soave romanticità, ma sono soprattutto i brani più lenti ed appassionati che la sensibilità delle interpreti si fa sentire.
Il medley di Poema LXIV / Palabras / Palavras, introdotto dai versi d’amore di Dulce Maria Loynaz, è un susseguirsi di emozioni.
Para cantarle a mi amor, è il pezzo più sentimentale del disco, quasi una serenata che però si tende seguendo un filo drammatico.
L'accompagnamento è eseguito con classe e talento dagli abili tocchi al pianoforte di Roberto Fonseca,
Gli arrangiamenti di chitarra e viola, più alcune linee di contrabbasso e percussioni, offrono un ambiente rilassato e di sublime ascolto.
Un incontro artistico che rappresenta la grande integrazioni tra il mondo musicale cubano e quello brasiliano.

Commenta il post