Machito: Machito and his Afro-Cubans

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Machito: Machito and his Afro-Cubans

Machito & His Afro Cubans, è una raccolta di brani per orchestra che risale agli 1948-1950
Pubblicato nel 1996, dalla Casa discografica Harlequin Records, è un disco di musica latina con una buona prevalenza di Mambo anni cinquanta con l'influenza del jazz afro-cubano.

Machito
Francisco Raúl Gutiérrez Grillo, grande musicista cubano di jazz latino, si e' spento nel 1984.
La sua notorietà è iniziata a New York negli anni quaranta dove ha formato la band degli afro-cubani.
Dal 1940 al 1980 ha prodotto un notevole numero di album molti dei quali anche con la voce di Graciela sua sorella adottiva.
Nel 1975, con un gruppo di cui facevano parte il figlio e la figlia, ha realizzato una grande tournée in Europa riscuotendo notevole successo.
Un anno prima di morire, nel 1983, ha ricevuto un prestigioso Grammy Award.

Impressioni
Si tratta di composizioni di grande portata anche a livello musicologico perché sono di profonda innovazione.
Infatti la band di Machito è riuscita ad essere essere la prima a utilizzare il trio strumentale congas, bongos, timbales in quella che verrà considerata da quel momento la batteria standard nella musica afro-cubana.
Inoltre è stata la prima big band ad esplorare dal punto di vista ritmico afro-cubano, composizioni estese come ad esempio la Jazz suite di Chico O'Farril.
Un altra importante novità della Band, dal punto di vista del progresso civile, è stata quella di essere la prima autenticamente multi-razziale negli Stati Uniti.
Nel gruppo di Machito lo scambio di esperienze musicali, composizioni e arrangiamenti basati sulla fusione tra jazz e musica afro-cubana è stato innovativo e fondamentale.
Si sono così formati musicisti capaci di suonare in entrambi i contesti, in un modo flessibile che non era esistito sino a quel momento.
La grande rivoluzione degli Afro Cubans è stata quella di cambiare completamente il modo sia di far musica da ballo afro-cubana, che il modo di suonare il jazz sino a quel momento.
Sono queste le importanti novità che si ascoltano in questi brani soprattutto in Tanga, di Mario Bauzà, che incarna al meglio le fusioni tra jazz tradizionale e lo stile afro cubano.

Commenta il post