Pablo Milanés: Definitive Collection (60 Years On)

Pubblicato il da ricarolricecitocororo - il mio canto libero

Pablo Milanés: Definitive Collection (60 Years On)

La semplice chitarra, la splendida voce e parole che fanno riflettere: sono queste le caratteristiche principali della musica di Pablo Milanés, il trovatore di Cuba.

L'album
"Definitive Collection 60 Years On" è uscito nel 2004 con l'etichetta Labro.
E' il manifesto più emblematico del movimento della "Nueva Trova" di Cuba, di cui Pablo è il massimo esponente.
Le canzoni sono, in gran parte, del periodo fine anni novanta.
La strumentazione e gli arrangiamenti del disco sono tutti in funzione della vocalità.
Il disco fa emergere al massimo le parole di grande intensità che suscitano grandi emozioni.
La voce di Pablo Milanés, potente e limpida, arriva diretta al cuore evocando grande suggestione nell'animo.
La predominanza delle canzoni, di questo album, cantano l'amore e rincorrono l'amore che si dissolve con la soavità di testi poetici.

El breve espacio
Mi soffermo sulla canzone, inclusa nella raccolta, "El breve espacio", un testo di grande intensità in cui la voce calda di Pablo evoca l'amore perduto.
"Todavía quedan restos de humedad,
sus olores llenan ya mi soledad,
en la cama su silueta
se dibuja cual promesa
de llenar el breve espacio
en que no está..."
Le tracce della amata riempiono ancora la solitudine dell'autore che ricorda, la figura esile della donna che non riesce a dimenticare.
"Todavía yo no sé si volverá,
nadie sabe, al día siguiente, lo que hará.
rompe todos mis esquemas,
no confiesa ni una pena,
no me pide nada a cambio
de lo que dá."
La canzone continua guardando al futuro nella speranza di un ritorno dell'amata.
"No comparte una reunión,
mas le gusta la canción
que comprometa su pensar.
todavía no pregunté «¿te quedarás?».
temo mucho a la respuesta de un «jamás».
la prefiero compartida
antes que vaciar mi vida,
no es perfecta
mas se acerca a lo que yo
simplemente soñé..."
Il ricordo vivo dell'amata si nutre di parole che non vogliono annullare nessun filo tenue di legame.
L'autore non vuole domandarle se se ne andrà.
Ha paura a formularle questo interrogativo.
Preferisce rimanere nell'attesa, prima che la sua esistenza rimanga vuota.
E' questo il sentimento che mantiene in vita il protagonista del testo.
E' tutto ciò che si avvicina di più a quello che sempre ha sognato.
Parole poetiche che descrivono i sussulti del cuore che non smette di amare.

Da queste parole si comprende la grande vena lirica di Pablo Milanès che nei suoi testi, ricchi di suggestioni, rimanda ad atmosfere affascinanti ed evocativa

Commenta il post